• Ultime notizie

    Roaming UE: nuove tariffe dal 2024 e decalage fino al 2032

    Roaming UE senza costi extra e nuove tariffe per il traffico dati dal 2024 al 2027: niente sorprese in bolletta telefonica e più qualità dei servizi TLC. Mobile Roaming senza costi aggiuntivi in tutta la UE fino al 2032 e nuovo calcolo dei giga di traffico disponibilim che rende più vantaggiose le tariffe dal 1° gennaio 2024. Dopo l’accordo raggiunto nel 2022 per l’estensione del roaming nei paesi dell’Unione Europea con la stessa tariffa nazionale, infatti, da gennaio sono entrate in vigore le nuove regole tariffarie, stabilite anno per anno da qui al 2032. Nuove tariffe per i Giga di traffico in Roaming UE Il nuovo regolamento adegua in particolare i prezzi massimi all’ingrosso, per mantenere…

  • Ultime notizie

    Addio 730 precompilato: cambia la dichiarazione dei redditi 2024

    Rischia di trasformarsi in un’arma a doppio taglio la misura di riforma fiscale che trasforma il 730 precompilato dei dipendenti e dei pensionati in una “procedura semplificata“, tramite cui il contribuente dovrà accettare o meno le informazioni note al Fisco e soltanto dopo vedersi compilato il modello dichiarativo. La novità 2024 serve a rendere meno rigida la denuncia dei redditi delle persone fisiche, anche in vista di una futura modalità di tassazione dei redditi prevista dalla riforma. Tuttavia, la mancanza di un modello già compilato, che dopo tanti anni era ormai ben familiare a tutti i contribuenti coinvolti, rischia di creare parecchia confusione nell’accettazione dei dati. I dati proposti dall’Amministrazione…

  • Risposte dell'esperto

    Cedolare secca affitti brevi online: quale imposta per Forfettari?

    Domanda: “Sono titolare di partita IVA forfettaria con flat tax al 5% (primi 5 anni di attività) e gestisco un affittacamere lavorando con Airbnb e Booking: quale aliquota i portali saranno obbligati a trattenere come sostituti d’imposta, il 5% o il 21%?” Risposta: Se la sua partita IVA si riferisce all’attività di affittacamere non può applicare la cedolare secca, prevista solo per affitti brevi in forma non imprenditoriale (articolo 4 del dl 50/2017). Se ha partita IVA con codice ATECO relativo agli affittacamere, il reddito prodotto dall’attività è il suo ricavo imprenditoriale, al quale può applicare il regime forfettario. La legge che lo regolamenta è la Manovra 2015 (commi da 54 a 89 della legge 190/2014),…

  • Risposte dell'esperto

    Pensione Precoci 2024: novità e requisiti

    Domanda: “Nell’anno 2024 rimane ancora la pensione anticipata per precoci? Con quali requisiti e finestra mobile?” Risposta: La riforma contenuta nella Manovra economica non ha portato novità nel 2024 per la pensione precoci. Questa forma di pensionamento a Quota 41 è strutturale, e resta prevista con i consueti requisiti: 41 anni di contributi, almeno un anno di versamenti anteriori al 19esimo anno di età, appartenenza a una delle quattro categorie di aventi diritto. La platea dei beneficiari è quella consueta: lavoratori in disoccupazione involontaria e con sussidio terminato da almeno tre mesi; caregiver; disabili; addetti a mansioni usuranti o lavori gravosi. Anche sulla finestra mobile, non ci sono nuove disposizioni, per cui resta fissata a 3 mesi…

  • Ultime notizie

    Superbonus: nuove offerte di acquisto crediti su Federbonus

    Cessione crediti edilizi 2024, si riattiva il mercato: Federcontribuenti lancia nuove offerte di acquisto su piattaforma Federbonus. Dopo le modifiche in materia di Superbonus varate dal Governo per il 2024, si riattiva il mercato dei crediti fiscali derivanti da interventi edilizi agevolati. In particolare, la piattaforma Federbonus – lanciata lo scorso luglio da Federcontribuenti per promuovere lo smobilizzo dei crediti edilizi incagliati – rende noto che, dal 1° gennaio 2024, sono state introdotte nuove funzionalità e previste nuove offerte di acquisto bonus. Indice Cessione crediti edilizi su Federbonus Acquisto bonus edilizi 2024 e 2025 Cessione crediti edilizi su Federbonus Lo strumento per la riscossione agevolata dei crediti fiscali consente di interfacciarsi con aziende o banche disponibili all’acquisto dei propri…

  • Ultime notizie

    Definizione di PMI: nuove soglie dimensionali UE nel 2024

    Quale è la definizione di PMI e le nuove soglie dimensionali UE ai fini contabili: guida ai requisiti 2024 previsti dalla normativa italiana e comunitaria. Novità importanti per la definizione di piccola e media impresa (PMI) a livello UE, contenuta nella Raccomandazione n. 2003/361/Ce e recepita in Italia con Decreto 18 aprile 2005: la nuova Direttiva 2775/2023 del Parlamento UE e del Consiglio modifica quella n. 2013/34/UE, aumentando del 25% i criteri dimensionali in relazione ai bilanci d’esercizio e consolidati. Le novità avranno effetto diretto sugli obblighi di comunicazione contabile di molte società, con gli Stati membri chiamati a conformarsi alle nuove regole entro il prossimo dicembre. La classificazione delle imprese nell’Unione Europea resta invece quella basata sui tre criteri: numero di…

  • Ultime notizie

    Cessione crediti edilizi a Poste Italiane: blocco fino al 2025

    Poste Italiane blocca fino al 2025 l’acquisto di crediti edilizi e da Superbonus per prime cessioni da privati: le nuove regole dall’8 gennaio 2024. Cambiano le regole per la cessione dei crediti edilizi a Poste Italiane per le quote annuali fruibili del Superbonus o altri bonus cedibili a partire dal 2024 in relazione a spese sostenute nel 2023 o a rate residue di spese degli anni precedenti. Lo aveva già anticipato Poste Italiane in occasione della riapertura della sua piattaforma lo scorso ottobre, specificando che: Dall’8 gennaio 2024 sarà possibile richiedere la cessione delle annualità fruibili solo a partire dal 2025, per crediti maturati a fronte di spese sostenute nel 2024 o a rate residue di spese…

  • Ultime notizie

    Superbonus: congruità dei prezzi con criterio di cassa

    Agenzia Entrate: asseverazione di congruità del Superbonus in base ai prezzari in vigore al momento dei lavori, per i privati rileva la data del pagamento. La congruità delle spese ammesse al Superbonus fa riferimento ai prezzari vigenti nel momento in cui sono pagati gli interventi edilizi anche se, successivamente, la Regione aggiornato i listini: lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate rispondendo a specifico interpello. Un secondo chiarimento riguarda invece il bonus maggiorato per immobili di proprietà delle Onlus. Vediamo in dettaglio. Superbonus: prezzari per la congruità L’interpello 1/2024 spiega che i prezzari da prendere a riferimento nell’asseverazione rilasciata (ai sensi del comma 13, articolo 119 dl 34/2020) dai tecnici abilitati sul rispetto dei requisiti «e la corrispondente congruità delle spese…

  • Ultime notizie

    Nuova Sabatini Green 2024 – Cambiano i termini

    Riparte nel 2024 la misura “Beni Strumentali” – Nuova Sabatini Green dopo il rifinanziamento da 100 milioni ed il contributo reso disponibile in un’unica tranche, con  l’accorpamento delle rate. Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy aveva già provveduto, nelle scorse settimane, all’aggiornamento della modulistica per la domanda in adeguamento alle nuove regole sui contributi alle PMI previste dal Regolamento UE 2023/1315 Quali agevolazioni concede la Nuova Sabatini Lo strumento agevola l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese in chiave innovativa e green favorendo gli investimenti delle PMI in macchinari nuovi, software e tecnologie digitali attraverso un finanziamento agevolato e un contributo del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che sostanzialmente copre gli interessi.…

  • Risposte dell'esperto

    No tax area: la cedolare secca rileva?

    Domanda: Se un incapiente IRPEF affitta un immobile abitativo con cedolare secca, esce dalla no tax area? Risposta: Il reddito da locazione di un immobile, pur essendo tassato separatamente, concorre a determinare la fuoriuscita dalla no tax area. Anche se l’affitto con cedolare secca è escluso da reddito complessivo, rileva però ai fini della determinazione dei carichi di famiglia e del diritto ad una serie di detrazioni fiscali e valutare l’eventuale capienza IRPEF. Ne deriva che il reddito da cedolare secca rilevi anche ai fini del superamento delle soglie di incapienza (no tax area). La legge sulla cedolare secca prevede (articolo 3, comma 7, dlgs 23/2011) che: “per il riconoscimento della spettanza o per la determinazione di deduzioni, detrazioni o…